Spedizione gratuita in Italia sopra €49 Solo prodotti di produttori eccellenti Oltre 500 recensioni positive

Quinoa, lo pseudocereale nutriente

Quinoa, lo pseudocereale nutriente

Da tempo famosa nel mondo delle pietanze vegetariane, la quinoa ha in realtà tutto il diritto di essere considerata un’ottima integrazione per qualsiasi regime alimentare: ideali per realizzare minestre o risotti, i suoi semi sono utilizzati da millenni tra le Ande, luogo di provenienza di questa pianta, dove venivano consumati in una miriade di diverse preparazioni – compresa una un po’ meno salutare delle altre, che trasformava i semi in un prodotto fermentato, la chicha.


Si sa per certo che questo seme a fu domesticato quattromila anni fa, nella zona geografica attualmente occupata da Bolivia, Perù e Cile. Come scriviamo anche nella pagina dedicata alla quinoa, in origine era considerata una pianta sacra, cosa che ne rese problematica la coltivazione dopo la conquista delle Americhe: la Chiesa cattolica, infatti, non vide di buon occhio il legame tra questa chenopodiacea e il paganesimo, vietandone la semina.
 

La sopravvivenza della quinoa


Nonostante i divieti e le incomprensioni degli europei, che ritenevano la quinoa un cibo di bassa categoria, gli Inca preservarono la coltivazione della loro pianta sacra, permettendoci di rivalutarla in tempi più recenti. Modernamente, infatti, sappiamo che è fonte sia di lisina che di metionina, ingredienti fondamentali per costruire le proteine: legumi e cereali devono essere combinati tra loro per fornire lo stesso apporto proteico.


Per secoli, questa caratteristica dei semi di quinoa ha aiutato le persone povere a far fronte alla mancanza di carne, introducendo una fonte di proteine alternativa e a basso costo; ricca di amido e sali minerali, la quinoa è anche priva di glutine, rendendosi così adatta alla consumazione da parte di individui celiaci.
I suoi valori nutrizionali l’hanno resa la regina dell’anno 2013, dichiarato dall’Assemblea delle Nazioni Unite l’International Year of Quinoa, anche in onore delle popolazioni che l’hanno preservata dall’estinzione nei secoli passati.


Un approfondimento sulle caratteristiche della quinoa


Priva di colesterolo, la quinoa è una buona fonte di fibre e carboidrati: si presta ad essere consumata come pasto principale e, per arricchirne il sapore, è possibile aggiungere verdure e altri ingredienti alla sua preparazione, sia come piatto caldo (invernale) che come insalata fredda (estiva), in modo analogo a quanto si farebbe preparando un buon cous cous.


I semi di quinoa hanno diverse colorazioni, che vanno dal giallo pallido al nero: l’impatto visivo di una pietanza a base di quinoa, perciò, non sarà mai lo stesso, consentendo così la creazione di abbinamenti sempre diversi. Possono esserne consumati persino i germogli e le foglie, seppure commercialmente siano ben più rari da vedere sugli scaffali (fisici ed elettronici).


I nostri prodotti a base di quinoa


Su Spaghetti&Mandolino troverete un’ampia selezione di formati di pasta realizzati con quinoa, riso e amaranto, ma anche lo pseudocereale in grani da consumare a vostro piacimento, ideando nuove ricette o seguendo i consigli di preparazione suggeriti per ciascuno dei nostri prodotti: scopriteli qui di seguito!

 

foto_piccola by S&M



Ricevi il nostro kit di benvenuto

Iscriviti per ricevere l'e-book contenente le ispirazioni estive dei nostri ambasciatori e scoprire di più su Spaghetti & Mandolino, sulla filosofia e sui prodotti e produttori che potrai portare sulla tua tavola (ah, nel mezzo c'è anche un coupon sconto).